Spesso siamo chiamati come advisor da aziende che stanno affrontando momenti di difficoltà. A queste aziende proponiamo, quando ci sono i presupposti, la reindustrializzazione come possibile via d’uscita rispetto ad una fase di crisi.

La reindustrializzazione rappresenta infatti spesso una soluzione percorribile per quegli imprenditori che stanno affrontando contrazioni dei volumi importanti – o crisi più pesanti – e che si trovano a dover fare delle scelte a volte difficili che inevitabilmente impattano in maniera diretta a livello sociale, sull’occupazione e sul territorio.
In questi casi cerchiamo di affiancare l’impresa per attivare un percorso che, partendo da condizioni critiche – con risorse che rischiano di perdere il lavoro, aree da dismettere, macchine obsolete -, ricrei le condizioni e le opportunità per un rilancio. Dove si spegne una fiamma deve ripartire un fuoco nuovo, che sia allineato con le esigenze del mercato, che abbia tecnologie avanzate, che metta in campo professionalità riconvertite ed in linea con le esigenze di oggi, attraverso piano di formazione mirati.

Nel mio quotidiano contatto con le imprese, ho preso atto del fatto che la reindustrializzazione – benché rappresenti un’alternativa ai processi di dismissione o chiusura delle attività produttive – è una strada poco conosciuta e quindi poco sfruttata nel suo potenziale.

Da questa considerazione è nata l’idea di organizzare un momento di incontro dedicato alle aziende per raccontare cos’è la reindustrializzazione. Un incontro che mettesse “intorno ad un tavolo” imprese, massimi esperti di reindustrializzazione ed imprenditori, testimoni di alcuni casi di successo.

L’idea si è concretizzata lo scorso 6 Giugno a Milano con l’evento organizzato da EMS nella cornice di Watt 10, ex area industriale, simbolo di una riconversione di successo.

TV:

RAI 3 – TGR Lombardia delle 14:00

*Per la foto in copertina si ringrazia il Civico Archivio Fotografico Musei del Castello Sforzesco Milano